25th Apr2011

Val Di Suga – Brunello Di Montalcino riserva 1979

by elenabardelli

Eccomi di fronte a me stessa. E’ mattina e di fronte ho la mia immagine riflessa allo specchio. Sarà che così mi vedo tutti i giorni ma l’impressione è la stessa, quella di essere sempre uguale, di non cambiare… ma è solo l’abitudine.

Sì, l’abitudine del  vedersi piuttosto di guardarsi.

Guardandosi si vedono molte più cose. Guardarsi e scoprirsi… Scoprire che la tua forma è sempre quella, quella che vedi e ti distingue ma, guardandoti, la prima cosa che noti è che il tuo involucro non mente, non più luminoso e candido come la pelle di una bambina; incupita, quasi spenta, come una patina di stanchezza che ti si è adagiata addosso.

Guardarsi fuori potrebbe essere tanto facile quanto complesso. Rendersi conto del tempo che è passato non sempre mette voglia di passare al passaggio successivo, forse quello più complesso: l’introspezione, guardarsi dentro.

Inutile nascondersi, le cose non cambiano. Tanto vale aprire il cuore e la mente e affrontarsi.

Certo, il tempo non plasma solo la nostra immagine ma scava nel profondo. Ci troviamo di fronte alla nostra anima, con la quale fare i conti.

Non più spensierata e fresca. Ancora limpida ma oscurata dai mille pensieri.

Come frammenti i ricordi si spostano nella tua anima a volte turbolenta ma la maturità ha smussato certi lati spigolosi di quel carattere ribelle.

Calma, calda, profonda.

E mentre sento il profumo del caffè riemergo all’esterno e penso che, tutto sommato, ho ancora molto da offrire

2 Responses to “Val Di Suga – Brunello Di Montalcino riserva 1979”

  • Non mi sorprende che la tua coeva ti abbia dettato emozioni così intense. Un Sangiovese di oltre trenta anni in buona forma non è un eccezione per Montalcino, all’epoca i produttori erano pochissimi e le vigne si trovavano davvero nelle zone più vocate e meglio esposte.

  • Love that Brunello!! Thank you for sharing…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *