15th Mar2012

New York, ricordi (part XI)

by elenabardelli

Inutilmente cerco di non sentire la sveglia, di non rendermi conto della realtà. No, non ho sonno, non è per quello che fingo che il suo suono sia solo un’impressione. E’ il 20 Agosto, ecco perché non mi va di realizzare che è già mattina, l’ultimo giorno pieno che passerò qui.

Inutile perdere altro tempo, meglio alzarsi e cercare di sfruttare la giornata in qualche modo.

Mi sembra di essere arrivata qui da pochissimo, di avere ancora tante cose da fare e da vedere.

Un po’ di nostalgia di casa c’è ma è in conflitto con la grande voglia di rimanere ancora un po’.

Mi preparo pensando alle cose positive e piacevoli che mi attendono al rientro ed ecco che spunta un sorriso.

Con la serenità sul volto mi immergo in città.

In tutti questi giorni non ho ancora assaggiato i pancakes, direi che bisogna provvedere. Dopo questa prova mi convinco che il mio stomaco non è abbastanza allenato per affrontare certe sfide, se potesse mi denuncerebbe.

Rotolando per le strade (eh sì, dopo questa colazione sono una palla) mi diverto e mi rilasso osservando le persone.

Un suono mi attrae. E’ una batteria improvvisata: secchi, pentole e addirittura una bombola del gas! Davvero bravo.

Riprende la camminata, una passeggiata in tranquillità. Qualche giro in negozi, qualche piccolo acquisto.

Insomma, nulla degno di nota, una giornata da turista fannullone.

Giornata tranquilla, turista fannullone ma anche oggi una bella macinata di chilometri non poteva mancare.

Si fa sera e dopo un pitstop in Hotel ci si trascina in cerca di un posto in cui cenare.

Dopo aver perso ogni rapporto tra spazio e tempo mi rendo conto dell’ora.

Le 11,00 pm; niente male.

All’improvviso l’illuminazione: Shake Shack. Non è quello di Madison Square Park ma è al Theatre District. Ok, è l’occasione per provarlo. In effetti ne valeva la pena.

Meglio rimettersi in cammino verso la base ora, sarebbe il caso di riposare un po’

Le luci si spengono, rumori lontani svaniscono, gli occhi si chiudono.

Buona notte…

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *