10th Jul2012

Davide Oldani – è nato prima l’uovo o la gallina?

by elenabardelli

 

Chi è riuscito a sfidare la lunga lista di attesa ed andare al D’O, famoso ristorante dello Chef Davide Oldani considerato uno dei gotha dellla ristorazione italiana, non può non aver notato che, sotto la veste di trattoria chic (che già di per sé suona come contraddizione) ci sia un poco velato egocentrismo dello chef che mette il suo marchio (D’O) e quindi il suo nome (Davide Oldani) un po’ ovunque. Vabbè, nulla di male fin qui, ci sta… quella giusta dose di Super Io.

Il “problema” sorge quando ci si imbatte nella mise en place tutta personalizzata, soprattutto con la famosa passepartout, posata “all in one”: cucchiaio, coltello e forchetta in un unico prodotto; più o meno comodo da usare (ma questo è un dettaglio).

Passepartout fa parte di una collezione che pare (ed uso volutamente questo termine) sia stata pensata, ideata e disegnata da Davide come dice lui stesso in questa intervista su “IO Donna” del 22 gennaio 2011

 

Fino a qui vi domanderete, lecitamente: “e quindi?!?”. E quindi nulla, vi risponderei, se non fosse per il mio spiccato senso di osservazione (un po’ di Super Io concedetelo anche a me).

Qualche sera fa, la classica notte insonne d’estate, mi trovavo davanti alla tv, cosa alquanto rara per me. Stavano proiettando un film del 1989: “Schegge di follia” con gli allora giovanissimi Winona Ryder e Christian Slater come protagonisti.

Tra spallotti, abbigliamenti ed acconciature improbabili degne di quegli anni ecco che spunta LEI, nell’immancabile scena in mensa.

Ma “LEI” chi? LEI, la passepartout… in plastica.

Considerato che, se non erro, Chef Davide sia un bel 44enne, classe 1968 credo che non sia così remota la possibilità che abbia potuto vedere questa pellicola di fine anni ’80.

Confidando nella sua buona fede mi chiedo (e mi piacerebbe chiedergli) se, appunto, è nato prima l’uovo o la gallina o comunque quali strani scherzi riesca a fare il caso 🙂

5 Responses to “Davide Oldani – è nato prima l’uovo o la gallina?”

  • Laura

    occhio di lince colpisce ancora

  • Detto che non mi piace granché alla vista, così a intuito, non lo vedo nemmeno così comodo da usare. Se poi lo usava la Ryder già anni e anni fa, allora ritiro tutto. 🙂

  • Sei un mito! Quindi non solo la cucchietta (o forchiaio come lo abbiamo soprannominato) è un oggetto inutile e scomodo da usare ma non è nemmeno figlio del cuoco caldo-freddo-dolce-salato… 🙂

    • Ciao Roberto.
      Comodissima non è, per il resto ho contemplato la possibilità che il caso abbia giocato strani scherzi.
      Diciamo che si contempla ogni evenienza 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *