26th Feb2013

Pacherhof – Sauvignon 2011

by elenabardelli

pacherof

 

il sole scende come miele, su di lei donna del porto…

Non so esattamente perché guardandola mi sono venute alla mente le parole di questa canzone. Sarà forse per il riflesso del sole sui suoi capelli, che mi ha fatto per un attimo sognare, portandomi alla mente l’immagine iconografica di “Suzanne” che ti indica i colori tra la spazzatura e i fiori, scopri eroi tra le alghe marce.

Chiudere gli occhi e passare per paesaggi immaginari, dove puoi respirare un’aria intrisa di profumi, tanto delicati quanto netti; di luci che ti avvolgono, di forme senza ombre.

In questo viaggio sulle ali della fantasia, lei – come Suzanne – è in grado di elevare il brutto a bellezza ed è per questo che  vuoi viaggiarle insieme ciecamente perché sai che ti ha toccato il corpo con la mente. 

Un viaggio piacevole, ricco di fantasia e sogni. Un viaggio, il viaggio, che aspettavi da tempo.

04th Aug2011

Amico Fragile

by elenabardelli

Capita. Un giorno come tanti ma con una cosa di cui hai bisogno. La compagnia di chi non conosci, di chi non ha interesse a giudicarti.

Guardi attorno a te, in fondo non ti interessa se sia bianca, nera, gialla… Non te ne frega nulla del suo abito firmato, delle sue origini più o meno nobili. Ti scansi di dosso quelle piccole sanguisughe viziate e un po’ narcisotte. Fanculo loro, il loro essere primedonne e il festival della vanità.

In disparte ecco lei, indossa uno stracceto ma le ste bene. Ti avvicini ed è semplicemente lei, senza sovrastrutture e maschere. Semplice, chiara, pulita.

Inizi a guardarla nel profondo, per vedere aldilà. Trasparente.

Ti lasci andare. Surreale, sembra esser stata pagata per dirti quello che vuoi sentire ma in un attimo ti accorgi che in realtà è una sibilla. Ti confonde, si diverte a darti due chiavi di lettura. Cosa è verità?

Crudele e spietata ti porta alla totale confusione.

Apri gli occhi, qualche confuso ricordo ti accompagna nel risveglio. E’ giorno, un altro giorno